UN BAGNO DI SALUTE: IL CIBO PIU’ AMATO DAGLI ITALIANI

19 02 2008

Il 16 febbraio al prestigioso locale milanese Le Banque, gli stilisti PREMOLI, Dario & Giovanni, insieme all’assessore al Tempo Libero del Comune di Milano Giovanni Terzi, a esperti dell’alimentazione e a personaggi dello spettacolo, hanno lanciato un messaggio forte e chiaro affrontando l’argomento di una corretta alimentazione. «Non è affatto necessario –  dicono gli stilisti – vestire la taglia 38 per calcare le passerelle. Le nostre modelle da sempre sfilano in taglia 42 quella che, secondo noi, meglio esprime la femminilità e rende omaggio alle nostre creazioni».

Il messaggio è stato lanciato in maniera esplicita allestendo all’interno della sala, dove si è tenuta la conferenza, un vero set fotografico, dove la pasta – a torto reputata un alimento da evitare – è diventata il pretesto per affrontare un dibattito scottante che spesso ritorna nel mondo della moda: quello su una buona educazione alimentare.

Una modella, durante l’intervento degli stilisti, si è fatta strada tra  i presenti e si è  immersa in una vasca piena di pasta, condita con tanto di pomodorini pachino, olio extra vergine di oliva e basilico fresco, per sottolineare ancora di più il fatto che la dieta mediterranea è la più indicata per tutti – indossatrici comprese – per mantenere una linea perfetta.

Alla conferenza hanno preso parte anche il Dott. Nicola Sorrentino, medico nutrizionista, e la Dott.ssa Arianna Banderali, medico psico-terapeuta.
Sorrentino si augura che «anche in Italia l’Indice di Massa Corporeo venga preso in considerazione nella scelta delle modelle, come già fanno gli stilisti PREMOLI». Mentre la Banderali, in qualità di vicepresidente AIDAP (Associazione italiana disturbi dell’alimentazione e del peso), ha sottolineato l’incidenza di certi fattori ambientali su disturbi alimentari e l’importanza di iniziative volte a contrastare questa tendenza. «Ci sono dati scientifici allarmanti – sostiene – che dimostrano quanto l’ambiente sociale nel quale viviamo influisca sui nostri comportamenti alimentari».

 

Iniziativa da lodare certamente ma perché la trovo un po’ “silenziosa” nell’insieme di stilisti che sempre di più fanno sfilare sulle loro passerelle ragazze sempre più scheletriche?!


Azioni

Information

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: